richiedi ora

Cose da vedere durante una vacanza ad Appiano

Alla scoperta dell’Alto Adige meridionale

Fate un tuffo nel passato alla scoperta della cultura, del paesaggio e della storia di Appiano: autentici tesori naturali e magnifiche testimonianze di architettura storica raccontare la propria storia.
Qui trovate i nostri consigli per la vostra vacanza ad Appiano e dintorni, tutti facilmente raggiungibili.

Il Castel d’Appiano e la sua cappella

Il castello medievale di Appiano sovrasta la Valle dell’Adige, sopra Missiano, e, grazie alla sua posizione particolare, alla magnifica vista che spazia dalle Alpi dell’Ötztal alle Dolomiti fino alla città di Bolzano e alla bellezza romantica, è considerato una delle più impressionanti testimonianze del Medioevo. È molto particolare il mastio pentagonale, che in parte risale ancora al XII secolo. All’interno del complesso si trova una cappella con affreschi romanici di grande valore storico e artistico, la “Cappella Sistina delle Alpi”, come viene spesso chiamata. Oltre ai soggetti religiosi come la “Visitazione di Maria”, custodisce anche rare rappresentazioni profane come le “Vergini stolte” e la “Mangiatrice di canederli” – la prima testimonianza dei canederli tirolesi. Una visita guidata che si tiene tutti i giorni fornisce informazioni sulle pitture murali della cappella del Castel d’Appiano e il maniero stesso. Il castello può essere visitato nel corso dell’Escursione dei tre castelli.

Castel Boymont

Il castello di Boymont è stato costruito nel 1235 e mostra caratteristiche tipiche del periodo romanico. Una cosa non tipica e sorprendente sono le linee rette dell’edificio rettangolare. Il muro perimetrale dell’imponente complesso è ornato da splendide trifore. A nord-est si trova la torre principale, a nord-ovest una torre più piccola. Sopra l’ingresso è situata la cappella. Intorno al 1530 fu probabilmente distrutto da un incendio doloso e mai ricostruito. Solo verso la fine del XX secolo gli attuali proprietari, i proprietari di Castel Corba, fecero restaurare e consolidare le rovine. Soprattutto le finestre ad arco sono state ampiamente rinnovate. Oggi le rovine di Boymont ospitano una taverna che serve piatti altoatesini.

Castel Firmiano e il MMM Firmian

Castel Firmiano sopra il paese di Frangarto è uno dei più antichi castelli in Alto Adige. Secondo i primi documenti risalenti all’anno 945, fu costruito nell’Alto Medioevo e ricostruito nel periodo tardo-gotico, come testimoniano i muri spessi cinque metri. La roccia forma una barriera naturale tra il complesso superiore e inferiore. Nel corso degli anni, il maniero cambiò ripetutamente proprietari e fu in gran parte trascurato fino alla sua acquisizione, nel 1996, dalla Provincia autonoma di Bolzano. Nel 2003, lo scalatore estremo Reinhold Messner ricevette l’autorizzazione a integrare nell’enorme fortificazione il museo MMM Firmian dedicato alla montagna, il quale fu inaugurato nel 2006. Il cuore del circuito museale ideato da Messner racconta lo stretto rapporto che unisce l’uomo alla montagna. In una struttura moderna in vetro e acciaio tra le antiche mura, dipinti, sculture, oggetti simbolici e reliquie raccontano dell’importanza delle montagne per la gente. La Torre Bianca, invece, ospita una mostra permanente sulla storia di Castel Firmiano, che ha un alto valore simbolico per i sudtirolesi. Guidati da Silvius Magnago, nel 1957 gli altoatesini si radunarono nella fortezza, reclamando al grido di “Los von Trient” il diritto all’autonomia. Gli antichi edifici residenziali e agricoli oggi ospitano un ristorante.

La località di San Paolo e il Duomo nel paese

La frazione di San Paolo è ricca di facciate tradizionali ed “Erker”. Si presume che la famosa Via Claudia Augusta sia passata per il centro. Da ogni direzione si scorge il campanile alto 85 metri, al quale la chiesa parrocchiale di San Paolo deve il suo soprannome “cupola nel paese”. La chiesa del paese è uno dei più grandi e più importanti edifici religiosi dell’Alto Adige, un vero e proprio capolavoro architettonico. La costruzione di questo enorme edificio è durata più di 250 anni, così si può in essa osservare più di uno stile: la sottostruttura e la parte centrale della chiesa furono costruite in stile tardo-gotico tedesco, mentre il campanile della chiesa presenta elementi tipici del Rinascimento ed è stato completato con una cupola appartenente al periodo del Barocco italiano. Anche se l’edificio è stato costruito sotto la direzione di vari architetti, risulta comunque molto armonioso e uniforme. Nella torre si trovano 9 campane: la “Grande” Anna Maria, con i suoi 3820 kg la settima per grandezza di tutto l’Alto Adige. Fu realizzata nella fonderia Grassmayr a Innsbruck. Da visitare a San Paolo è anche il cimitero con le sue arcate, sul quale si narrano diverse leggende misteriose come quella del “Judenfahndl”.

Cornaiano, il paese vinicolo

A Cornaiano tutto ruota intorno al vino. Il villaggio vinicolo soleggiato è immerso in un paesaggio caratterizzato da vigneti e offre una varietà di eventi legati al vino: la “Festa di Cornaiano”, l’ultimo carico d’uva o una visite alle cantine. Vi è stato allestito anche un percorso didattico sul vino attraverso i vigneti: partendo dal centro del paese, egli fornisce fatti interessanti sui vitigni autoctoni e la viticoltura. Il vino stesso è conservato nell’esteso sottosuolo di Cornaiano, nelle tante cantine ramificate. In onore del Santo Martino di Tours, patrono del paese, da oltre 200 anni si organizza il tradizionale mercato San Martino.

La Chiesa del Calvario

La Chiesa del Calvario fu costruita nel 1716 e chiude la Via Crucis di Appiano sul Monte Calvario, creata tra il XVIII e il XIX secolo dai padri di Appiano. La chiesetta in stile rinascimentale è ornata da due piccole cupole, una volta a crociera e decorazioni con stucchi. Dalla chiesa di gode di una bellissima veduta su San Michele e la vallata dell’Oltradige.

Castel Moos-Schulthaus

Il Castel Moos-Schulthaus si trova dietro il Monte Calvario, sopra Castel Englar, e ospita oggi un piccolo museo. Si tratta di un complesso costituito dall’insieme di edifici residenziali e rurali di Castel Moos e della Tenuta Schulthaus, che furono un tempo di proprietà degli stessi signori. Già nel 1270 qui sorgeva un piccolo castello, che successivamente fu incorporato nella più ampia costruzione di Castel Moos. Ancora oggi è chiaramente visibile la modesta torre residenziale del vecchio castello nell’angolo nord-est. Nel corso dei secoli, gli edifici sono stati più volte ricostruiti, diverse ristrutturazioni e ampliamenti sono visibili dall’esterno perché i muri non sono intonacati. All’interno del museo si trovano pitture murali, una sala gotica, vari strumenti di lavoro e tanto altro. Anche la chiesa di Santa Caterina sotto la tenuta fa parte del complesso edilizio. La cappella del XIV secolo fu trasformata in un edificio residenziale nel XIX secolo, ma in seguito riportata al suo scopo originale.

Il lago di Caldaro

Il lago di Caldaro si trova a sud di Caldaro sulla Strada del Vino dell’Alto Adige, in mezzo ai vigneti. Ha persino dato il suo nome al vino prodotto dall’uva Schiava coltivata nei dintorni. Il più grande lago balneabile dell’Alto Adige si riscalda molto rapidamente grazie alla sua bassa profondità ed è considerato il lago più caldo delle Alpi. Sulle rive orientali e occidentali a vocazione turistica si trovano alcuni stabilimenti balneari e ristoranti. A sud il lago termina in un canneto che funge da habitat per uccelli e animali palustri rari ed è quindi considerato area protetta. È possibile osservare la grande varietà di fauna lungo la passerella di legno che si snoda attraverso il canneto ed è anche parte della bellissima escursione circolare intorno al lago. Il lago di Caldaro è molto amato dai surfisti che in estate vi trovano le condizioni ottimali per cavalcare le onde con il windsurf grazie al caldo vento proveniente da sud.

La funicolare della Mendola e la montagna panoramica Penegal

La Mendola, la montagna che sovrasta Caldaro, era un tempo residenza imperiale. La principessa Sissi e la nobiltà mitteleuropea vi trascorsero la “frescura”, ma anche Mahatma Gandi e Karl May vi hanno soggiornato. Il Passo Mendola può essere raggiunto con un capolavoro dell’ingegneria: la cremagliera continua più ripida e più lunga d’Europa fu inaugurata nel 1903 e ancora oggi rende la salita sul Passo Mendola una vera avventura. Su una distanza di 2,37 chilometri e con una pendenza del 64% è in grado di superare 850 metri di dislivello in soli 12 minuti. Arrivati sullo storico Passo Mendola potete godervi la vista sulla Valle dell’Adige e la Bassa Atesina con il suo spettacolare scenario montano e anche immergervi nel passato. In estate, ogni settimana si tiene una visita guidata storico-culturale con un’esperta. Dal passo si possono intraprendere diverse escursioni nella Val di Non, sul Monte Roen sul panoramico Monte Penegal da cui si può godere di una vista mozzafiato sulla parte meridionale dell’Alto Adige, le Dolomiti Patrimonio mondiale dell’Unesco, il Parco naturale Adamello-Brenta e il massiccio dell’Ortles.

nuove camere e suite hotel Alto Adige

Abbiamo portato la natura in casa

Nuove camere e suite

Alto Adige Balance

Regalare tempo e spazio a se stessi

Vacanza in armonia

cucina naturale al lago

Mangiare in modo consapevole

Cucina naturale per buongustai

Green Spa bosco di Monticolo e lago

Rigenerarsi su 100 ha di green spa

Il bosco e il lago di Monticolo

Le nostre offerte

Ecco gli ultimi pacchetti e alcuni suggerimenti per un soggiorno da noi. Vi aspetta una vacanza sul lago di Monticolo con tanti servizi inclusi!

Piaceri dell'autunno
al lago
20.10. - 04.11.2018

Coccole e relax. Prepararsi pian piano all’inverno. Godersi la tranquillità dell’autunno al lago.
5 notti -10% + 1 desiderio, 7 notti al prezzo di 6


più info

BICI OFFERTA VALIDA TUTTO L'ANNO

Da primavera ad autunno condizioni ideali per andare in bici e mountain bike! Partecipate ai tour guidati in bici oppure esplorate da soli oltre 30 magnifici percorsi!


più info

PASSEGGIATE PER FARE
IL PIENO DI ENERGIA
OFFERTA VALIDA TUTTO L'ANNO

Tempo meraviglioso, cielo limpido, sapori deliziosi: in Alto Adige è sempre periodo per le passeggiate ed escursioni.


più info
Montiggler Seen Eppan Südtirol

Seehotel Sparer

Famiglia Cologna
Monticolo, 53
I-39057 S. Michele/Appiano (BZ)

tel. e fax +39 0471 664 061
info@seehotel-sparer.it


partita IVA IT01186630214

Info e novità

Blog
Fotogallery
Virtual Tour
Come raggiungerci

recensioni